Spedizione gratuita per ordini >29€ in Italia e >59€ in Europa

Dal Caffè ai Caffè: ti ricordi com'era il vino?

[Riproduciamo qui il testo pubblicato da Antonio Tombolini nel portale di acquisti di gruppo Vinix.com]
C'era una volta il vino. Il vino era il vino. Al massimo bianco o rosso. E rosato, se dandoti un tono mescolavi un po' di rosso e un po' di bianco nel bicchiere ai pranzi di matrimonio. Solo rosso però col piatto forte dei banchetti, con l'arrosto misto che arrivava servito nei vassoi guarnito da spicchi di limone. Al culmine del gusto spruzzavi lo spicchio di limone sul pollo e sull'agnello arrosto, per poi tuffarlo nel bicchiere di rosso.

Lo so, gran parte di chi mi sta leggendo ora queste cose non le ha mai nemmeno vissute, ma da me, nelle Marche, era così fin verso la fine degli anni ‘70, primi ’80, mica mille anni fa.

Intendiamoci, sono usi e ricordi che hanno forte per chi li ha vissuti il sapore di madeleine, e confesso che poterne rifare l'esperienza magari in qualche trattoria ruspante e autentica non mi dispiacerebbe per niente. Però…

Però poi abbiamo scoperto che il vino che consumavamo in abbondanza era mediamente cattivo, e che esistevano i vini buoni. Gli agricoltori migliori hanno cominciato a vinificare in proprio invece di conferire le uve, i consumatori hanno cominciato a bere un po' meno e a spendere un po' di più, alla ricerca di vini migliori. L'atto di bere il vino, così come quello di mangiare, è diventato sempre più un atto culturale prima ancora che alimentare, e abbiamo cominciato a chiedere, a curiosare, a frequentare corsi e leggere riviste: cultivar, terroir, tecniche di vinificazione e maturazione, sono diventati ingredienti essenziali e irrinunciabili nell'atto d'acquisto e di consumo del vino.

Ecco. Vi ho parlato di vino. Ma vi ho parlato di caffè, e questo è il mio primo messaggio sul caffè: col caffè sta cominciando appena adesso quel che è accaduto al vino quarant'anni fa, se non di più. Questo è quello che si muove dietro l'etichetta di Specialty Coffee. C'è molto da dire, da saperne, da raccontare, e da provare. Ma intanto, per favore, registriamo questa prima informazione: se vogliamo capire cosa sta per succedere al mondo del caffè (terza bevanda per consumo al mondo, dopo acqua e tè) cominciamo a seguire quel che si dice e si fa sotto l'insegna di Specialty Coffee. Ne riparleremo presto.
Precedente
Ultimo

Inserisci un commento

Attenzione, i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione

Featured collection

Chiudi (esc)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ne scriviamo solo quando pensiamo di avere qualcosa di bello o interessante da dire, è una promessa.

Age verification

By clicking enter you are verifying that you are old enough to consume alcohol.

Cerca

Carrello

Il tuo carrello è vuoto
Acquista ora